12 ottobre 2013

2013 13 Ott - Bogogno (NO): Camminata della Meja

Data: 13/10/2013 
Lunghezza percorso: 10,7 Km
13/10/2013 ~ BOGOGNO – GAMBA D'ORO - CAMMINATA DELLA MEJA







PREMI
L’ottobre 2013 purtroppo di sole ce ne fa vedere poco, anzi.
Nei giorni scorsi Borgomanero è stata colpita da un tremendo nubifragio, e anche stamattina qui a Bogogno il cielo ha tinte che vanno dal grigio piombo al blu cobalto.
Nuvole cariche di pioggia girano intorno minacciose.
Aria fredda tendente al gelido, la temperatura è sui 10 gradi scarsi.
Niente a che vedere con la magnifica giornata di sole che ci aveva accolto qui l’anno passato.
La speranza è almeno di non beccarci l’ennesima secchiata d’acqua sulla testa.
Comunque di gente ce n’è parecchia, 600 esatti al via, e, per la cronaca, fortunatamente non pioverà.
Il luogo del ritrovo è molto bello e comodo, con bar che lavora a tutto regime a far caffè e varie.
Riscaldamento, conto alla rovescia vocale e via puntuale alle 9.00
Dato che siamo moolto furbi, quasi a livelli volpini, ci posizioniamo appena dietro quelli che vanno forte: il primo Km infatti si percorre tra le anguste vie del paesello e onde evitare imbottigliamenti e contatti meglio stare un pò davanti.
BOGOGNO SKYLINE
Allo scoccare del Km 1 si presenta quella che è l’unica salita seria della giornata, 300 metri molto ripidi.
Ma la brevità dello strappo facilita un Culone come me, che così riesce a non perdere troppo terreno da quelli agili.
Poi, per i restanti 9 Km è un andare ondulato per boschi, boschetti, campi, prati e tratti asfaltati nel finale.
Quello che mi piace di questa corsa è che a ogni tratto dove si sale corrisponde un successivo “riposante” tratto in discesa.
Sembra che ci sia più discesa che salita, ma è dovuto al fatto che le salite sono poco ripide mentre le discese sono lo sono di più…almeno questa è la mia percezione.
Purtroppo, pur andando bene - per il mio standard, s’intende - non riesco ad agganciare il gruppo degli atleti più scarsi tra quelli meno forti dei più forti ma comunque inferiori ai Top Runners…in parole povere quelli che stanno intorno alla 50esima posizione e viaggiano sui 4.30 o qualcosa meno, tra i quali gli amici Joe, subito in fuga, e Fabio che mi raggiunge e mi abbandona più o meno a metà strada.
A un certo punto ce li ho li a 20-30 metri, ma poi cominciano a darsi battaglia fra loro e si allontanano inesorabilmente dal mio orizzonte…li rivedrò poi all’arrivo.
Mi ritrovo oggi in una specie di limbo podistico, mi trovo a percorrere lunghi tratti da solo…anzi ogni tanto qualcuno arriva da dietro ma mi stacca subito.
Sono quelli che vanno in progressione, beati loro, io non riesco a farlo, me manca er cosiddetto cambio de marcia.
Davanti ne incontro sempre meno, boh, va a sapere, strana situazione, che comunque non aiuta.
Soffro, però in maniera controllata, ogni tanto rifiato un pochino, insomma mi regolo bene e vado a un ritmo molto costante.
2 ATLETI NON ESAGERATAMENTE FORTI
Mi sono allenato abbastanza bene ultimamente, e devo dire che, anche se i miei tempi non sono migliorati molto, è migliorata senz’altro la gestione della fatica, ho l’impressione di soffrire meno di prima.
Tecnicamente direi che ho fatto finalmente amicizia con la mia soglia anaerobica, ho imparato a conoscerla e soprattutto a rispettarla.
Ho un momento di depressione quando mi ritrovo, più o meno al Km 8, solo, a percorrere un sentiero in un campo coltivato, con un vento freddo e contrario che mi taglia la faccia gocciolante di sudore: per fortuna in questo tratto raggiungo un altro podista solitario che, evidentemente più demoralizzato e stanco di me, cede di schianto al mio resistibilissimo attacco e si mette a camminare.
Questo accadimento mi da morale, e nel frattempo si esce dallo sterrato.
Si va su asfalto ad attraversare un gruppo di case su vie strette: qui non vedo più nessuno davanti e per un attimo temo di aver sbagliato strada.
Per fortuna non è così e dopo un ulteriore tratto boschivo si prende la ripida discesa che riconduce al paese, al termine della quale si raccolgono le forze residue (ovvero si raschia il fondo del barile) e si risale in leggera pendenza verso il meritato traguardo.
Nel finale riesco ad avere la meglio, in una lunga, asfissiante (e anche un pelino penosa) volata, su un podista che mi aveva superato di gran carriera nell’ultima discesa, salvo poi andare in rosso sul successivo cambio di pendenza.
Vabbè dai, sono soddisfazioni piccole piccole, ma chi s’accontenta gode, è il segreto della felicità, almeno della mia.
Savoiardi, nutella, biscotti, molte cose buone da mangiare e bere.
Corsa organizzata molto bene, ben segnalata, percorso sicuro e, contrariamente a quello che pensavo, nonostante le piogge, il fango non era molto, anche se le scarpe comunque bisognerà lavarle.
Ho il piacere all’arrivo di scambiare qualche impressione con il mitico Pimpe, che anche oggi ha difeso alla grande l’onore di noi anziani ragazzi del 1967 (lui fa parte del gruppo dei più forti, infatti è arrivato 16esimo!)
Anche oggi dominio dei Fratelli Guglielmetti, a coronare la stagione della Gamba d’Oro.
Abbiamo la fortuna di conoscerli personalmente, oltre a essere 2 grandi atleti, sono veramente delle belle persone: educati, gentili, sempre disponibili a scherzare in compagnia e sempre con il sorriso.
La nostra Gamba d’Oro 2013 finisce qui, arrivederci all’anno prossimo e grazie a tutti per i bei momenti passati in allegria.

Davide Donà

IL FOTO-ROMANZONE!!!

LE FOTO (FORSE, PROVATECI)


GOOGLE MAPS


22 commenti:

  1. Autocommento: Non ho tenuto il ritmo dei 2 giovanotti in foto, però ho notato invece che mi ha tenuto molto bene la piega dei capelli.
    Dopo 11 Km di corsa il riccio è ancora ben definito e voluminoso.
    Lo spray fissante utilizzato (L'Oreal) ha fatto egregiamente il suo dovere.
    Sono soddisfazioni anche queste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beato te che riesci a provare ancora queste sensazioni da me dimenticate ormai da..... circa..... più o meno..... 15 anni!!!!!
      però mi cresce la barba.... almeno quella!!!
      un ex capellone adesso solo pellone

      Elimina
    2. Buongiorno, sono un Tricagologo che lavora presso un Istituto di Tricagologia in Italia, ma non voglio fare il nome per questioni di pubblicità. stai tranquillo i capelli prima o poi ricrescono, bisogna solo avere un pò di pazienza. Fatti pure crescere la barba però non scassarci i maroni.
      Eriberto Mastropasqua Peluso iscritto all'albo dei tricacologi al n°....non ma riccordo pieù!

      Elimina
    3. Buongiorno, lavoro per la L'Oreal e quest'estate ero in vacanza a Bibbione e l'ho vista sul balcone mentre faceva il pirla! Può fare a meno di usare la nostra lacca per favore? se no non ce la compra più nessuno perchè la gente pensa che conduca alla follia!
      Gioacchino Mastrota (Addetto capo settore vendite della L'Oreal)

      Elimina
    4. Bellissimo fotoromanzo ma ,per diventare un sambrocchese doc , devo farne di strada e soprattutto bere meno il sabato! Comunque vadano le gare, mi diverto molto. Davide (l'altro).

      Elimina
  2. Cari Amici, è bello avere ancora i capelli, però voi che ne avete pochi dovete guardare la faccenda positivamente.
    Mentre io il mattino della corsa devo dedicare il giusto tempo a farmi l'acconciatura (il look ha la sua importanza), voi avete più tempo da dedicare allo stretching, alla colazione, alla concentrazione.
    E poi, all'arrivo, devo subito preoccuparmi della tenuta della messa in piega, il sudore mette a dura prova il capello, tende ad appiattirlo e ad appesantirlo.
    Insomma, non è facile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. maledetto!!! a schifio finisce...... la fine di Sansone farai, minchiaaaaa ahhhh....

      Elimina
    2. Cesare Ragazzi16 ottobre 2013 21:59

      Dicono che nei Trail (in particolare in quello del Lago d'Orta), i concorrenti calvi sono avvantaggiati, perchè non si impigliano i capelli nei rami...

      Elimina
    3. Ave oh Cesare, come tà stai? l'è an tòc che a svegùma mia.
      at salut.
      Cia da Cleopatta.

      Elimina
  3. ahahah, mitico Davide.. dai , il fatto che hai sotto controllo la soglia significa che hai tracciato la base.. adesso con qualche lavoro anaerobico vedrai che migliorerai.. sei del 67 , nente puo' fermarti ..! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie coscritto Pimpe per la fiducia! in effetti credo di poter limare ancora qualcosa, anche se non moltissimo: bisogna essere realisti.
      Comunque, considerando da dove sono partito, sono già molto contento.
      Chiaro che iniziando un pò tardi come età c'è tutto un lavoro di costruzione da fare che richiede tempo, e nel mio caso anche una struttura fisica non molto aereodinamica. Ciao!!!

      Elimina
    2. Carissimo Sig. Pimpe....va bene il controllo della soglia e il tracciato di base....ma bisogna guardare in faccia la realtà....stò ragazzo non ce la fa più!
      a presto
      il medico della sanbrocchese

      Elimina
  4. Il sottoscritto Joe Pagani comunica, purtroppo, l'allontanamento dal podismo, dal ciclismo, dal "fuma-fuma" per un periodo non precisato a causa dell'insorgere di una forma influenzale molto violenta e profonda che mi ha colpito nella giornata odierna con fortissimi spasmi laringoiatrilagici e faringoiastici con possibili future complicazioni tracheo-polmonari che ridurrano di molto le future performance podistiche sia in allenamento che in gara. A oggi devo tristemente prendere in considerazione anche un eventuale ritiro dalla partecipazione della Pella-Ossa se questo stato di salute dovesse compromettere la preparazione per lungo tempo. Ringrazio lo staff medico e farmaceutico che, prontamente, mi ha visitato e fornito del materiale chimico necessario per superare questo periodo molto difficile. Sò che questo tornerà a vostro vantaggio nelle prossime corse perchè guadagnerete una posizione in più nelle prossime corse e qualche punto in più nel challenge......beh non ci crederete ma.....me ne strabatto i c.....sono contento per voi.
    joe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh buonasera sera Sig. Joe. Bravissimo, la cosa migliore è agire tempestivamente non appena compaiono i primi sintomi. ora lei sta attraversando la fase 1, ovverosia dopo essere stato colpito dal Virus Influenzale, i suoi tessuti adiposi e non e i vasi sanguigni stanno incominciando ad assorbire i principi attivi dei farmaci che le hanno consigliato di somministrarsi, fase che durerà circa un paio di giorni, dopodichè entrerà nella fase 2 nella quale i suoi anticorpi, una volta essersi rafforzati aggrediscono i virus e li fanno uscire dalle primarie vie di uscita del suo corpo, fase che durerà circa 3 giorni, dopodichè entrerà nella fase 3 quella più importante, nella quale avverà il ripristino della normalità delle sue principali funzioni vitali e nella quale lei potrà riprendere gradatamente e con metodo i suoi allenamenti.
      a presto
      Il medico della sanbrocchese.

      Elimina
  5. Buongiorno, volevo propormi come Medico Sportivo della Vostra società podistica Sanbrocchese. Sono Medico Generico e specialista in Medicina dello Sport e Psichiatria e so che vi serve uno Psichiatra....sopratutto! Non c'è bisogno che mi pagate perchè sono convenzionato con la mutua. L'unico problema è che non posso fare ricette perchè sono stato bocciato alla Esame di Laurea. Però ho trovato una Laurea ad Honorem su Ebay a prezzi stracciati e dovrebbero consegnarmela a breve tramite corriere espresso.
    Cortesemente ringrazio

    RispondiElimina
  6. Buonasera, volevo fare gli auguri al Sig. Riga per la corsa che si appresta a fare....comunque vada sarà comunque un risultato prestigioso....complimenti in anticipo. Mi raccomando però, una corsa così importante deve essere seguita da un ottimo recupero fisiologico, quindi è importantissimo a fine gara ristabilire l'equilibrio salino-minerale con isotopi di magnesio e potassio. Le consiglio quindi nei giorni seguenti di mangiare molte zucchine, cetrioloni, banane.....e badi bene....ho detto "mangiare", perchè ho fatto un giro su internet e le zucchine e i cetrioloni li mettono un pò dappertutto!....e non parliamo delle banane!
    a presto
    il medico della sanbrocchese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buongiorno sig.Medico Sportivo della Sanbrocchese. grazie per i consigli che purtroppo leggo solo ora a cosa fatta, altrimenti durante la corsa non mi sarei mangiato, nell'ordine: Ristoro dell'alpe Sacchi: 2 fette di polenta gelata (o forse era gelato alla polenta? boh), 9 fette di salame (buonissimo), 4 fette di formaggio (buonissimo). Ristoro di Grassona: 2 fette di torta (buonissima), uva passa (dolcissima), noccioline (salatissime) il tutto annaffiato da 2 birre (gelatissime) dopodiché mi sono astenuto perché con un ultimo barlume di buon senso ho pensato che sarei anche potuto essere a rischio congestione/sciopone. comunque metterò sicuramente in pratica i suoi consigli per quanto concerne i suddetti ortaggi/ frutta dalle parvenze leggermente falliche che gusterò rigorosamente in piedi con la schiena ben appoggiata ad un muro.
      Cordiali saluti
      Il Riga

      Elimina
    2. Di niente Sig. Riga.....comunque faccia attenzione ad appoggiarsi di schiena sul muro....perchè ho visto pure, sempre su internet, che fanno dei buchi nei muri dove spunta fuori di tutto....stia in guardia!
      cordiale riposo
      il medico sportivo della sanbrocchese

      Elimina
  7. Uaooo.....pure il medico sportivo abbiamo! Io sono d'accordissimo, per me va bene essere seguito da un medico di società così può scioglierci qualche dubbio visto che alla nostra età gli acciacchi sono all'ordine del giorno. Senta visto che c'è....a volte quando vado allenarmi dopo che è trascorsa una bella mezz'ora da una sostanziosa colazione a base di una tazza da mezzo litro di caffelatte con un megabombolone alla crema e biscotti al cioccolato, sento dei dolorini fastidiosi alla cistifellea....è una cosa seria?....devo interrompere l'allenamento?....devo fare degli esami approfonditi?
    joe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Joe, le chiedo scusa ma le potrei rispondere più avanti, al più tardi domani? Devo andare a vedere su Wikipedia cos'è la Cistifellea. Preferisco essere sicuro e fare una diagnosi giusta.....pensavo fosse una cosa tipo la milza....ma comunque è meglio che m'informo bene....porti pazienza, la prego.
      il medico della sanbrocchese

      Elimina
  8. Signor Medico Sportivo le porto i miei omaggi....per caso lei è in grado di convertire la taglia delle scarpe in US da UK? ho trovato una tabella di conversione ma amazon.it mi mette dei numeri strani che non corrispondono a UK.
    Sempre grato
    gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ne so io! sono Medico...mica vendo scarpe!
      Per la sua cistifellea...ho controllato...niente di grave, solo che non deve mischiare il bombolone alla crema con i biscotti al cioccolato...insieme non vanno bene....è meglio il bombolone...i biscotti al cioccolato quando ha finito di correre prima di farsi la doccia ....per recuperare!
      Buon pomeriggio
      il medico sportivo della sanbrocchese

      Elimina

Visitatori

Ultimi Articoli

Ascolta il Testo dei Post

Speech by ReadSpeaker